AccorHotels: tremano gli azionisti

Gli azionisti di AccorHotels continuano a vedere rosso ormai da molto tempo, e il clima comincia a farsi veramente torrido.

AccorHotels è una compagnia francese che conta ben 3.800 hotel dislocati in varie parti del mondo, ed è una delle compagnie del settore alberghiero tra le più grandi d’Europa.

I problemi di AccorHotels sono cominciati nel 2015, e da allora purtroppo sembra che i titoli azionari non siano riusciti a prendere nuovo vigore.

Siamo ormai alle porte del 2019, e gli azionisti sono ormai sfiduciati, tanto che il titolo continua a perdere punti in modo ininterrotto ormai da molto tempo.

Oggi il titolo viaggiava attorno ai 39 euro ad azione, di nuovo ai minimi storici, pensare che solo qualche mese fa si spendevano 48 euro per comprare una sola azione di AccorHotels.

Ci auguriamo che il settore turistico, che sta vivendo in Europa un momento di timida ripresa, sappia dare di nuovo mordente a situazioni come quella vissuta da AccorHotels.

Se ad ogni modo avete un budget disponibile all’investimento poco prudente, comprare queste azioni potrebbe rivelarsi un grande affare nel prossimo futuro.

 

Nel 2015? Ho fatto soldi con le azioni Amazon e ho scalato l’Everest

Immergersi nella natura assoluta, superare i propri limiti, fare qualche cosa per cui un giorno si possa dire – ne è valsa proprio la pena –

Questo è sempre stato il sogno della mia vita! E io il mio sogno l’ho realizzato nel 2015!

Nel 2015 avevo già molta esperienza come scalatore, ero, e sono, in ottime condizioni fisiche ed avevo il sogno di scalare l’Everest.

8.848 metri di sogno! Non sono pochi direi. Il problema principale era il costo quasi proibitivo del sogno.

Scalare l’Everest non è per tutti, non solo è necessari una grande esperienza e una forma fisica perfetta, ma è anche necessario avere un portafoglio ben pieno. Considerando viaggio, attrezzatura, soggiorno, guida, tasse al governo Nepalese, e tutto il resto, per arrivare all’Everest sono necessari minimo 60.000€ di spesa.

Nel 2015 facevo già trading online da qualche anno e devo dire che sono sempre stato piuttosto bravo.

Come vi ho raccontato in precedenza non ho mai fatto un altro lavoro che non sia il trader, per cui ho realmente dedicato tutta la mia vita lavorativa agli investimenti. Studio molto, faccio continue ricerche, sono estremamente determinato e applicato dedico 8/10 ore al giorno solo al trading, ma i risultati ci sono.

Nel 2015 ho fatto il colpaccio (io come molti altri) con le azioni Amazon.

Avevo comprato le azioni Amazon quando costavano veramente poco, e nel tempo le Amazon avevano registrato una crescita costante e continua. Un po’ alla volta, avevo continuato a comprarne e loro hanno continuato a darmi soddisfazione. Una vera e propria scalata!

Nel 2015 ho venduto, ed il ricavato mi ha permesso di realizzare il sogno di una vita.

Posso dire con orgoglio che grazie ad Amazon, io sull’Everest ci sono stato!